Water balls

2003

Una serie di sfere in cera di varie misure parzialmente riempite d’acqua sono sparse per la galleria di Trinity Buoy Wharf pronte per essere raccolte dal visitatore;  un suggerimento sulla natura interattiva del lavoro è indicato nell’etichetta con il titolo dell’opera.

Il principale aspetto di queste sfere è la loro capacità di esistere come forme autonome con una presenza fisica dalla precisione euclidea, ma con una qualità tattile che provoca un forte desiderio di toccarle. La conseguente scoperta di un aspetto interiore modifica in maniera fondamentale il significato dell’opera. . (estratto da un testo di Gerard Wilson)

1 and many concrete balls

2003

L’opera, concepita come interattiva, è stata mostrata in giorni diversi, in due spazi differenti. In una stanza molto piccola dove le sfere formano una superficie quasi solida dove l’esperienza interattiva e’ socievole e giocosa, succesivamente in una stanza più grande dove l’interazione da socievole diventa quasi pericolosa e il rischio di una perdita di equilibrio diventa reale. Durante le interazioni lo scontro delle sfere in movimento sotto i piedi dei visitatori produce un suono che trasforma la percezione della galleria producendo un suono evocativo del suono mare contro gli scogli. (brano tratto da un articolo di Gerard Wilson)

Half way through

2002

Half way through come opera ha una certa ambiguità, anche se in apparenza sembra un armadio parzialmente smontato, come oggetto non sembra avere un suo senso di appartenenza. La sensazione e’ di un lavoro lasciato a meta’, presentato incompleto in una maniera illogica e non funzionale. Nella parte inferiore, una sorta di cassetto contiene una tessuto che evoca una certa visceralita’ forse nel processo di essere analizzata.

Wrap up

2001

Intervento con cartone corrugato pitturato con una vernice collosa su un termosifone funzionante. Il calore del termosifone gradualmente scioglieva la colla.

Breaking down the line

Sketchbook Series 1 to 100 – page 4, 11, 43, 37, 12, 3…

2016

L’opera Sketchbook Series 1 to 100 rianima le pagine vuote di un album da disegno creando sculture temporanee dei movimenti di una danzatrice. Una sorta di tassonomia di gesti, una retorica di movimenti diventano una molteplicità di forme, piani e linee, immagini statiche della stessa azione: piegare la carta.

Immateriality: Possibilities and Experiences Exhibition

REF: 2000/01 -153-154, 2004/05 – 240-254, 2006 – 97-106

2014

La trasformazione e la materialità del linguaggio sono le tematiche che Emanuele esplora in Ref: 2000/01 -153-154, 2004/05 – 240-254, 2006 – 97-106, un’ installazione creata per ALL-art:language:location presso la biblioteca Mill Lane nel dipartimento della Land Economy dell’Università di Cambridge.

Utilizzando l’architettura della biblioteca insieme a delle scatole che abitualmente vengono utilizzate per archiviare e catalogare documenti, giornali e resoconti accademici, Emanuele riproduce una fragmentata e disarticolata rappresentazione di forme posizionata sugli scaffali al di sopra e al di sotto della balaustra centrale, una sorta di animazione del materiale stesso e degli scaffali sviluppata con il semplice utilizzo delle scatole di cartone. La serie di forme in equilibrio precario evocano movimenti coreografici.

Un intellegibile linguaggio che invita i visitatori a speculare sul suo significato potenziale; forse una riflessione sull’attuale stato della biblioteca che e’ nel processo di essere trasferita o forse un commento sulla capacita’ del linguaggio di formarsi e riformarsi come materialità.

ALL- art:language:location Exhibition

100 Gallons of water a line and a bag of sand

2010

100 Gallons of water, 1 line and a bag of sand e’ una installazione ideata per Articulating Change una mostra personale di Emanuele a StoneSquid in Hastings. Attraverso l’utilizzo di materiali come acqua, luce, sabbia e cemento, Emanuele crea un’esperienza interattiva dove luce reale e progettata, spazi interni ed esterni sono messi in relazione sia formale sia temporale; trasformando oggetti e superfici quotidiane in narrative astratte. In 100 Gallons of water, 1 line and a bag of sand l’occhio del visitatore è condotto lungo un sensuale letto d’acqua formato da molteplici sacchetti di plastica trasparente riempiti con acqua marina illuminati da una luce progettata forse una metafora del corpo umano composto fino al 99% d’acqua. (brano tratto da un articolo di GX Jacques)

48 ore

2010

48 ore e’ un opera creata per Articulating Change una mostra personale di Emanuele a Stone Squid gallery in Hastings. 48 ore fa riferimento al tempo impiegato per la completa realizzazione dell’opera, attraverso una gestualita’ ripetuta con dei ritmi di sei ore al giorno Emanuele produce una completa copertura del tavolo dello studio dove lavora.

L’utilizzo di un materiale duttile come la plastilina crea una superficie opaca che assorbe la luce trasformando un oggetto quotidiano in un astratto e surreale paesaggio. (brano tratto da un articolo di GX Jacques)

Sea container

2005

L’opera è un calco in sale marino del contenitore utilizzato per le riprese del video Stillness. I due lavori fanno parte della stessa installazione ma esistono come lavori autonomi.

Clock

2005

L’installazione è stata realizzata per l’esibizione organizzata per la riapertura di Benjamin Franklin House a Londra. E’ un intervento con gesso su un orologio funzionante.